Benessere al Fior di Bosco

Da sempre la pista ciclabile lungo il fiume Adige è il luogo d’elezione per i miei allenamenti di corsa, soprattutto se sto preparando una maratona, una mezza, o anche per le corse più disimpegnate. Da un po’ di tempo però, tanto per non smentire il detto secondo cui spesso non ci si accorge del tesoro che si possiede pur avendolo sotto il naso, ho “riscoperto” il grande privilegio di poter correre circondata dal verde, da boschi lussureggianti e da una natura ancora amica dell’uomo. Tutto questo praticamente fuori dalla porta di casa. L’altopiano di Masen si trova a due passi da Ville di Giovo, il paesino dove abito con la mia famiglia, Val di Cembra (Trentino) ed è sempre stato un punto di riferimento, sinonimo di libertà, spensieratezza e divertimento.

Forse qualcuno ha già visto la piccola clip che ho postato sulla mia pagina facebook qualche giorno fa, dedicata alle corse che mi piacciono di più: quelle senza orologio, io, i miei passi, il bosco e nient’altro. Un video “mordi e fuggi”, come li chiamo io, di quelli fatti con il cellulare, ma effettivamente la giornata era spettacolare e meritava di essere immortalata almeno attraverso qualche immagine.

Da cosa nasce cosa, e oggi, in collaborazione con l’hotel Fior di Bosco di Masen (questo il link del loro sito www.hotelfiordibosco.it , dove potete trovare tutte le info che servono), vi propongo un video dove spero di coinvolgervi, incuriosirvi e spiegarvi  perché questo altopiano, negli anni, mi è entrato sempre più nel cuore. Ed ecco i miei quattro buoni motivi per amare questo posto e il suo albergo.

  • Per i runners ma non solo: se, come me, siete sportivi e amate le cose semplici, vi innamorerete di questo posto; si può correre per chilometri  e chilometri sui sentieri dei boschi, ma anche sull’asfalto in un continuo saliscendi, dove spesso l’unica compagnia è il suono del proprio respiro, dei propri passi  e la vista di panorami stupendi; l’altopiano è inoltre provvisto di due campi da calcio, dove si svolgono gli allenamenti e le partite delle squadre locali, senza contare che in un futuro ormai prossimo è prevista la realizzazione della tanto agognata pista di atletica.
  • Posizione strategica: una ventina di chilometri dal capoluogo e solo una decina dalla Piana Rotaliana, fanno di Masen e del suo hotel un buon punto d’appoggio per chi è alla ricerca di pace e tranquillità (e di fresco l’estate), non lontano dalla città ma al tempo stesso oasi di “beata solitudine”.
  • L’hotel: se cliccate sul link che vi ho lasciato, troverete un sito esauriente che soddisferà ogni vostro dubbio o curiosità; i titolari sono comunque sempre molto gentili e disponibili. Troverete un’atmosfera famigliare ma competente, e qualche attenzione in più che non guasta mai. L’albergo è anche centro benessere, ha una piscina coperta dove si svolgono regolarmente corsi di nuoto per i più piccoli e di acquagym, insomma, il posto ideale per le famiglie, per chi vuole rigenerarsi nel corpo e nello spirito, ma anche per le coppie 🙂
  • La pizza: ultimo ma “non ultimo” punto a favore, la pizza è veramente buona. Non mi reputo una grande esperta di cucina in generale, so solo che quando mangio una pizza il sabato sera e non passo tutta la  notte attaccata alla  bottiglia dell’acqua per cercare di placare la sete (spesso inutilmente), vuol dire che è di qualità. E scusate se è poco.

E poi, vabbè. Sarò anche di parte, ma qui ci vivo ormai da più di trent’anni e sinceramente faccio fatica ad immaginarmi in qualsiasi altro posto….. Anche quando sono in Corea, dopo qualche giorno (ok dai, dopo parecchi giorni) questi luoghi mi mancano. Un sacco.

E allora, buona visione, buone corse, buon benessere e buona Pasqua a tutti!

Tag:, , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*