Bello nuotare, ma con il costume giusto!

Forse sapete già che ultimamente mi sto dedicando parecchio al nuoto. E’ un coinvolgimento a 360°, fatto di necessità ma anche di volontà: a forza di accompagnare mio figlio Stefano agli allenamenti, ho finito per incuriosirmi e per voler provare a stargli dietro, ma non c’è storia (avevate dubbi?). Do’ ragione a chi afferma che cominciamo ad appassionarci a qualcosa nel momento stesso in cui iniziamo a vedere i primi risultati: dopo più un anno e mezzo e soprattutto dopo il primo, lungo periodo in cui proprio non riuscivo a farmelo piacere, ammetto che ora nuotare mi piace molto. E la mia schiena malmessa ringrazia, soprattutto in vista della preparazione della mia maratona autunnale.

In questo post vi mostrerò i quattro costumi (e un paio di occhialini) che alterno durante i miei allenamenti e cercherò di spiegarvi nel miglior modo possibile pregi, virtù, ma anche qualche difetto delle mie scelte. Cominciamo!

  • Costume due pezzi OKEO: so già che molti storceranno il naso, perché è idea comune che l’atleta seria nuoti rigorosamente in costume intero. Questo è stato in assoluto il primo acquisto “ufficiale” per i miei allenamenti, dopo aver affrontato le prime lezioni con lo stesso bikini usato per la spiaggia al mare: decisamente non idoneo. Il due pezzi della Okeo è un costume tecnico, adatto per l’attività agonistica e realizzato in materiale PBT Enduretech, resistente al cloro anche dopo moltissimi utilizzi, ha un taglio sportivo e una vestibilità slim fit. Il mio, rosso e totalmente foderato all’interno, l’ho sfruttato tantissimo ed è ancora in ottime condizioni. E’ “compressivo” quel tanto che basta per rimanere aderente anche durante gli allenamenti più intensi ed elastico a sufficienza per adattarsi alla mia “schiena comò” e alle mie “spalle comodino”. Consigliato per chi ama la sensazione dell’acqua su quanta più pelle possibile e soprattutto per chi, come me, ha bisogno di più di una “pausa pipì” e odia contorcersi nella toilette per sfilare un costume intero bagnato e appiccicato alla pelle ;-))

 

  • Costume intero JAKED, modello Firenze: l’ho acquistato per poter affrontare la mia primissima gara di nuoto master un anno fa e l’ho indossato da ottobre a…. Ieri. Praticamente ancora come nuovo, nonostante lo abbia maltrattato all’inverosimile: molto “fasciante”, nonostante una percentuale di elastam consistente (29%), zero pelucchi, zero cedimenti, si asciuga in un attimo. E’ composto dal tessuto Revolutional® Energy, che rende i capi indeformabili, oltre ad offrire massima elasticità e un’ottima vestibilità. Consigliatissimo per chi svolge allenamenti frequenti, intensi e cerca quel tipo di qualità che dura nel tempo, “benedicendo quel giorno in cui ha pagato qualche euro in più”.

 

 

  • Costume due pezzi ARENA, modello Cores: con l’arrivo del caldo e in previsione degli allenamenti in vasca scoperta non ho resistito. L’ho già “testato” in qualche occasione, e ciò che più mi piace di questo costume è la sensazione di libertà che mi regala: l’allacciatura incrociata sulla schiena è regolabile e per me che ho una schiena “importante” e che odio sentirmi “costretta” non è cosa di poco conto. L’aderenza è ottima, il costume non si muove nuotando in tutti gli stili, e il tessuto Max Life con cui è realizzato ne garantisce la durata e l’elasticità nel tempo. Il fatto che sia coloratissimo (disponibili diverse fantasie, una più bella dell’altra) soddisfa in pieno il mio lato frivolo: so che un atleta serio non dovrebbe farsi influenzare da queste cose, ma sono donna, e in quanto tale… Anche l’occhio vuole la sua parte. Non so se vi è mai successo, anche con le scarpe per il running…. Se disponiamo di un modello che ci piace anche esteticamente e ci valorizza, sembra QUASI di fare meno fatica: non è vero, e consciamente lo sappiamo, ma di sicuro affrontiamo l’allenamento con un altro spirito!

 

  • Occhialini SPEEDO modello Fastskin Elite 3 specchiati: io all’inizio questi occhialini non li volevo comprare. Perché costano un’esagerazione. Perché pensavo fosse una moda. Perché è anche un po’ una moda. Perché bisogna maneggiarli con cura. Ma sapete una cosa? E’ stato un regalo che ho voluto fare a Stefano perché se lo merita tutto, e non lo dico perché è mio figlio: Stefano è un piccolo adulto di quasi dieci anni in un corpo e in una testa di almeno 13. Mai un capriccio, mai una lamentela, sempre più che ligio negli allenamenti, anche quando la voglia non è proprio al massimo e la delusione per qualche gara andata non come si aspettava avrebbe potuto smorzare l’entusiasmo; come mio marito, lui guarda sempre al lato positivo delle cose: “Sono migliorato a rana” e non “Sono peggiorato a stile”. Mi piaci un sacco Stefano, continua così che va benissimo. Tornando agli occhialini, valgono tutti i soldi spesi: ho perso il conto dei modelli che abbiamo provato, sia io che Stefano, non trovando mai quello perfetto, forse anche per la particolare conformazione del nostro occhio; questi invece sono perfetti: un tutt’uno con esso, hanno una calzata molto confortevole ed adattabile, grazie ai ponti nasali di tre differenti misurePro: forma ergonomica, lenti anti appannamento, specchiate, in policarbonato anti UV che offrono un campo visivo a 180°, grande tenuta alle infiltrazioni d’acqua. Contro: delicati, le lenti specchiate sono belle ed utili ma delicatissime e si possono graffiare facilmente, quindi, maneggiare con cura! Costicchiano, ma vale il solito discorso: la qualità di solito si paga, e questi occhialini non fanno eccezione.

Questo è quanto: tengo a precisare ancora una volta che non sono una professionista, né del nuoto, né della corsa, né del web, ma spero comunque di essere “utile” per qualcuno. Le esperienze e le recensioni che riporto su questo blog sono frutto di “avventure” vissute in prima persona e di competenze acquisite sulla propria pelle e “sul campo”: siamo tutti diversi e non è detto che se una cosa è giusta per me lo sia automaticamente per tutti. Una cosa però è universalmente valida: fare attività fisica fa bene, a tutti, perciò, che sia corsa, nuoto o altro… Buono sport a tutti!

Nota: tutto il materiale di questa recensione l’ho acquistato attraverso amazon. Se foste interessati, ad ogni articolo corrisponde un link che vi rimanda direttamente al sito di e-commerce più famoso del mondo, basta cliccare sulla scritta verde 😉

Tag:, , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*